Luca-Zabbini

Luca Zabbini

CURRICULUM

Nasce il 26 Marzo 1984 a Crevalcore (Bologna).
Nel 1990 prende le prime lezioni di pianoforte da un pianista amico del padre , Mauro Sighinolfi.
A sei anni però non si sente molto attratto dalla musica classica e , dopo un anno , decide di continuare da solo.

Innamorato dell’improvvisazione , comincia ad ascoltare i dischi di jazz e rock del padre , fra i quali quelli dei Weather Report , Stevie Wonder , Earth Wind & Fire , ma soprattutto degli Emerson Lake & Palmer. La musica degli ELP lo conquista immediatamente e a nove anni il suo mito diventa Keith Emerson. Ascolta i loro dischi dalla mattina alla sera e piano piano comincia a suonare i loro pezzi , come Tarkus.

Nel 1995 il primo gruppo, i Fattore Comune , un gruppo di cover disco e funky anni ’70.
Circa nello stesso anno impara a suonare il basso e la chitarra ,così che negli anni successivi si esibirà anche come bassista e chitarrista in alcuni gruppi o come sostituto.
Lo zio batterista, quando aveva tempo, gli dava anche qualche lezione di batteria .
Nello stesso periodo cominciano le jam session nei vari locali, come il Madness a Modena , dove Luca , ancora bambino, si scatena al pianoforte.

Nel 1996 fonda i K2 , insieme a Giambattista Giorgi al basso e Luca Comellini alla chitarra.
Il gruppo si avvia ad eseguire cover di EL&P (con addirittura un vecchio organo Bontempi ad aria che Luca maltratta ed accoltella alla Keith Emerson…), PFM ed anche brani commerciali in voga all’epoca, da Eros Ramazzotti ai The Connells.
Pochi i concerti ma con grande entusiasmo sia da parte del gruppo che del pubblico.

Nel 1997 Luca si iscrive all’istituto musicale “O.Vecchi” di Modena , fino al 2001 sotto la guida della prof.ssa Mirella Gollini ed in seguito con Francesco Cipolletta.
Tra una jam e l’altra , nel 1999 entra a far parte della cover band modenese Incognito Blues Band alle tastiere , dove si esibisce in locali come il Vox di Nonantola.

Nel 2000 si iscrive al corso di composizione sotto la guida del prof.Antonio Giacometti, sempre presso l’I.Musicale “O.Vecchi” di Modena.
La composizione diventa una grande passione e Luca comincia a scrivere brani per vari organici , come trio d’archi e pianoforte , due pianoforti e due violoncelli , ecc…
Fra le composizioni personali ufficiali eseguite durante i saggi presso il conservatorio , China Games (per pianoforte a quattro mani , 2001, che nel 2002 vince la sezione musica del premio “Il sogno di Holden”);
Low Moon (violino , flauto , violoncello , pianoforte , 2002) ; Driadi-Naiadi-Oreadi (trio d’archi e pianoforte , 2003) ; Guadiana (due pianoforti e due violoncelli , 2005) ed Esperide (flauto traverso e pianoforte , 2005).Molte le sue composizioni rock , jazz , blues , fusion e progressive-rock.
Queste ultime soprattutto vengono eseguite con il nuovo gruppo dei Barock Project , formato nel 2004 .
Sempre nello stesso periodo si esibisce in varie serate con il gruppo Nessuna Pretesa nei vari locali del nord e centro italia . Si esibisce insieme ad alcuni dj in occasione di serate in discoteche ed anche come pianista presso stands fieristici.

Nel 2004 partecipa come tastierista nel musical Jesus Christ Superstar insieme ad una compagnia modenese , esibendosi in teatri come il T.Storchi di Modena , T.Delle Celebrazioni a Bologna , il T.Comunale di Mantova e di Rimini. Lo spettacolo si ripeterà sia nel 2005 e sia nel 2006.
Sempre nello stesso anno , insieme al sassofonista Enzo Balestrazzi , scrive un duetto per pianoforte e sax contralto in tre movimenti per l’inaugurazione del nuovo foyer ristrutturato del Teatro Comunale di Crevalcore.

Nel 2005 si esibisce nello stesso teatro come solista con i brani “El Albaicin” di I.Albeniz ; Allegro Barbaro di B.Bartok e un improvvisazione e fuga jazz ispirata a Keith Emerson.
Sempre nello stesso periodo suona con musicisti come Daniele Tedeschi (Vasco Rossi) , Adriano Molinari (Zucchero , C.Baglioni ) , G.Usai (New Trolls).

Già dal 1997 circa Luca si interessa moltissimo di computer music , con la quale lavora ogni giorno per registrare brani propri e per gruppi.
Fra le sue passioni vi è quella delle workstation con la quale ha una buona dimestichezza nella modifica dei suoni e nella programmazione.

La sua passione più grande è quella dei vecchi sintetizzatori , come il Moog ed anche per gli Hammond (soprattutto il C3).

Fra i progetti futuri , Luca sta incominciando a registrare due cd che includeranno i due volumi de Il Clavicembalo Ben Temperato di J.S.Bach (al pianoforte) .
Presto avverrà la formazione del Luca Zabbini Trio jazz , che eseguirà suoi brani in stile jazz-classica , per lo più composti nel 2003.

Nel frattempo continua a portare avanti il progetto dei Barock Project , come tastierista e scrittore dei brani.

E’ docente di pianoforte presso la scuola Musicology di Modena.

Indietro