Kamalia Ali-Zadeh

Kamalia Ali-Zadeh

CURRICULUM

Nata il 19/07/78 a Baku in Azerbaigian.
All’età di 4 anni sotto la guida di sua madre, anch’ella musicista comincia a studiare pianoforte con Sedva Ibragimova al conservatorio U.Hajibebov.
Nell’ 83 entrò nella scuola musicale “Bul-Bul” cominciando poi in età precoce a 10 anni a comporre le sue prime opere come le “Sette miniature orientali per pianoforte”, opera che rappresentò in pubblico al congresso dei compositori Azeri dove era presente una delegazione moscovita che apprezzò il talento della promettente giovane musicista.
Kamalia ha partecipato a numerosi concorsi pianistici, anche internazionali vincendo spesso il primo premio.
In seguito cominciò a dedicarsi alla composizione studiando con Frangiz Ali-Zadeh; in questo periodo scrisse “Sei variazioni” , “Ashugskaya” e “Ninna Nanna” rappresentate in pubblico con notevole successo dall’Orchestra da camera “Tutti”.
Nel 1992, dopo la tragedia di Hojali ha scritto la “Ballata per Hojali”.
Nel 1996 Kamalia entra nell’Accademia Musicale di Baku “U.Hajibekov” per studiare pianoforte con il prof. Elmira Safarova, e per studiare composizione con il prof. Arif Melikov diplomandosi col massimo dei voti.
In questi anni scrive “15 Preludi”, “sequenza per violino e pianoforte”, nel 1997 “Sonata in tre parti per pianoforte” ed il “Poema per Clarinetto in B”, nel 1998 il “Quartetto Corda in cinque parti”, “Concerto per grande orchestra sinfonica in tre parti”, la sequenza per orchestra da camera “Il paradiso Perduto” e si diploma con il brano per grande orchestra “Sinfonia di Impressioni”.
Dopo il Diploma frequenta seminari e workshop internazionali presentando così la sua musica in Svizzera, Malta, Usa, Georgia e Giappone; prende parte anche al “Gaudeamus Music-week 2002” in Olanda arrivando poi in Italia a presentare il suo brano per Orchestra da camera “Illusioni depressive” rappresentato al Conservatorio di A. Peri di Reggio Emilia durante l’evento “Compositori a confronto” 2003 dove ha avuto modo di conoscere e collaborare con compositori come Antonio Giacometti, Gianvincenzo Cresta, Giacomo Manzoni, Gabrio Taglietti, Giovanni Verrando.
Il 13-01-2004 Kamalia ebbe il riconoscimento di “Miglior pezzo da camera” che le valse il primo premio dall’Unione di Compositori dell’Azerbaigian.
I viaggi in Italia della giovane compositrice influenzano molto la sua creatività così da poter creare brani come “Brezza musicale di Venezia”. Ha lavorato come insegnante di musicologia al conservatorio nazionale di Baku in Azerbaigian e nel 2005 ha inoltre inciso per lei il “Preludio e Scherzo” per pianoforte il pianista Murad Adigozelade.
Kamalia durante il periodo di 3 mesi di borsa di studio trascorsi in Italia assegnatale dall’ambasciata italiana, ha frequentato le lezioni di composizione con il Prof. Antonio Giacometti presso l’istituto musicale “O.Vecchi” di Modena ed  ha tenuto con successo in data 24 aprile 2006 presso i locali dell’istituto, un concerto solistico di pianoforte, eseguendo oltre brani di repertorio, alcune sue composizioni originali. Attualmente collabora con il compositore Stefano Muscaritolo per un progetto basato sulla musica etnica tra i paesi di Italia e Azerbaijan.

Indietro